La dimora del tempo sospeso

Alberto Burri, Sacco e rosso, 1954

Emilio Villa

«È l’ultimo, e grandioso, accertamento di una segretezza della fissità perenne e della indifferenza dell’essere. Non dell’essere “qui e ora”, che è vano; ma dell’essere né qui, né ora, né ovunque, né mai»

View original post 1.003 altre parole