La dimora del tempo sospeso

Jacques Derrida, 2004

Giuseppe Zuccarino

La scrittura della sfinge. Derrida e i geroglifici

Sul quotidiano «Le Monde», nel 1973, viene pubblicato un disegno del caricaturista Tim (nome d’arte di Louis Mitelberg), che ritrae Jacques Derrida nelle vesti di uno scriba. L’immagine è arguta e ingegnosa, perché imita in parte lo stile delle figure egizie incise su pietra: Derrida viene effigiato a torso nudo e col tradizionale gonnellino (al modo del celebre Scriba seduto del Louvre) ed appare sul punto di tracciare, con un calamo o un pennello, dei segni su un foglio di papiro.

View original post 5.608 altre parole